The Beatles “Love me do”
Music / 30 Maggio 2019

Una delle prime canzoni dell’era beat. Un sound nuovo, che diede inizio a un cambiamento musicale, e forse anche culturale. Ciò che colpì il pubblico fu l’armonica blues di John, che trasmetteva tristezza in un brano gioioso e con un testo semplicissimo. Love me do  è stato uno dei primi brani scritti da Paul. Brano semplice e immediato, con un testo scarno, ma la cui singolarità sta in due elementi: la parola love ripetuta ben 21 volte e quasi tutte le altre composte da una sola sillaba. Provate a canticchiare il ritornello: Ah love me do, you know I love you. Visto? A parte la parola love, tutte le altre hanno una sola sillaba. Ciò dà ritmo alla canzone e ne facilita la cantabilità e la memorizzazione. Elemento importante per un gruppo esordiente. Un altro elemento nuovo per le canzoni d’amore dell’epoca fu quel gusto blues che pervadeva l’intero brano, sottolineato dall’armonica di John, che recava una nota malinconica nell’atmosfera sostanzialmente allegra della canzone. John suonò l’armonica in altri brani dei Beatles, Please please me, From me to you, Little child, I should have known better, I’m a loser. A insegnargli la tecnica per suonarla fu  un armonicista di Nashville, Delbert McClinton. John lo conobbe…